RELAZIONE SCIENTIFICA SULLA SCHEDA DEI VACCINI (tutte le risposte scientifiche alle affermazioni che preludono all’utilizzo vaccinale Covid 19)  

7
15680

Il presente Documento, grazie alle sue caratteristiche di obiettiva inoppugnabilità, è in grado di fungere da “mezzo di legittima difesa”, per coloro che vengono intimiditi, in vario modo e in varie situazioni, subendo pressioni illegittime per vaccinarsi.

In tal senso, il Documento incardina i motivi, per i quali, è possibile contrastare immediatamente gli agonisti della costrizione, rammentando loro che, diversamente, sono destinati ad essere denunciati penalmente, nome e cognome, salvo restando il loro ruolo,  ma, in ogni caso come soggetti che stanno compiendo un Reato, ponendo in pericolo l’incolumità della persona molestata, che è INVIOLABILE.

 

RELAZIONE SCIENTIFICA SULLA SCHEDA DEI VACCINI

(tutte le risposte scientifiche alle affermazioni

che preludono all’utilizzo vaccinale Covid 19)

 

  • Anche questa scheda, come le altre in genere, di vaccini e di farmaci veri e propri, offre il fianco ad una disamina critica, scientifica, seria, che consente una netta smentita
  • Per il Covid, però, data la confusione e la contradditorietà della grottesca situazione generale, mi sembra d’obbligo, dopo aver bene ponderato, esprimermi con deontologia e scientificità, ma soprattutto con misericordia per chi è stato “soggiogato”
  • La scontatezza con cui sono formulate le spiegazioni della scheda è contraddittoria rispetto alla profonda complessità dell’argomento, nonché rispetto alla ovvia ignoranza della maggior parte delle persone, che, non avendone la capacità, comunque, nemmeno riusciranno a leggere la scheda
  • Affermare, da subito e nelle prime, righe che “il Prodotto serve ad ottenere una immunizzazione attiva” è menzognero, in quanto il resto della scheda è costellato di dubbi in tal merito
  • L’indicazione “intramuscolo” non è subito corredata dalla cautela dell’aspirazione prima dell’introduzione tramite ago, tuttavia in seguito si aggiunge che il vaccino non deve essere iniettato endovena, fatto che si contrappone alla sola frase “intramuscolo”, quindi fonte di confusione su un elemento cruciale
  • A chi obietta che io stia esagerando, rispondo che, fondamentalmente, il vasto repertorio di video che riprendono la somministrazione, oltre all’esperienza diretta, mostra incontrovertibilmente che, per fretta ed ignoranza, l’aspirazione non venga mai effettuata…ma questo è un vecchio vizio
  • Le reazioni anafilattiche non sono soltanto immediate, ma possono essere anche tardive, e queste, secondo l’Immunologia clinica, possono anche essere le più classicamente fatali
  • In relazione all’entità numerica delle somministrazioni e, perciò, al conseguente aumentato rischio statistico delle reazioni, il vaccino non potrebbe e non dovrebbe essere eseguito fuori da ambienti di vera e propria Rianimazione, pena l’esposizione ad un intollerabile rischio clinico-sociale per i malcapitati: PRIMUM NON NOCERE
  • L’allusione alle “risposte possibilmente legate all’ansia” è da intervento immediato della Giustizia, in quanto, per stress, come dicono loro, i ravvisati segni e sintomi, come, per esempio, iperventilazione e sincope, sono purtroppo identici a quelli che intervengono nei casi che possono evolvere in pochi minuti verso il decesso.

Quindi si configura una perversa istigazione a sottovalutare i primi segni di scompenso pericoloso per la vita: dovrebbe essere il contrario!

 

  • A proposito di Ansia”, ricordo che tale condizione è controindicazione al trattamento, in quanto essa, oltre all’aumentato rischio di reazione avverse, è per lo meno frutto di incertezza, indeterminazione, confusione, che non si addicono ad un Buon Consenso Informato. Altrimenti, perché chi sta per beneficiarsi di qualcosa di cui è convinto dovrebbe fare opposizione di qualunque genere?
  • L’espressione:” La vaccinazione deve essere rimandata nei soggetti affetti da uno stato febbrile acuto severo o da un’infezione acuta. La presenza di un’infezione lieve e/o di febbre di lieve entità non deve comportare il rinvio della vaccinazione” è contraddittoria e pericolosa, perché uno stato acuto severo inizia sempre con modalità progressive
  • Dire che “La durata della protezione offerta dal vaccino non è nota; sono tuttora in corso studi clinici volti a stabilirla, parlare di limitazioni dell’efficacia del vaccino, affermare che, come per tutti i vaccini, la vaccinazione potrebbe non proteggere tutti coloro che lo ricevono” è soltanto la prova che il “Contratto” fra Ditta e utilizzatore è fondato su affermazioni infondate e fraudolente, quindi il medesimo “Contratto” è una truffa
  • Parlando di “Contratto”, in quanto l’adesione alle notizie rilasciate dalla Ditta inducono l’utilizzatore ad aderire, bisogna dire che, data l’importanza della “cosa”, anche con rischio di vita, mancando la firma del cliente sulla Scheda, si pone una assurda unilateralità del controllo delle affermazioni, ma ciò è INGANNEVOLE, quanto foriero di danni irreparabili, come la Storia ha già insegnato
  • L’espressione: “ La somministrazione del Prodotto durante la gravidanza deve essere presa in considerazione solo se i potenziali benefici sono superiori ai potenziali rischi per la madre e per il feto” è un’assurdità, in quanto la Gravidanza ha come scopo precipuo la salvaguardia e la tutela del prodotto del concepimento e del feto”
  • Avvisare che “Non è noto se il Prodotto viene secreto nel latte materno”, oltre a dimostrare quale sperimentazione striminzita sia stata effettuata, impone una considerazione etica su un trattamento opinabile, che non deve condannare anche il neonato a sottoporsi a “qualcosa” di potenzialmente evitabile e dannoso
  • Dopo un vaccino, l’individuo dovrebbe essere a riposo, non lavorare o guidare, sinché non si è certi che tutto vada bene, anche per non rappresentare motivo di incidenti per sé e per gli altri: è una grave banalizzazione trascurare questo aspetto
  • L’espressione: ” Agli operatori sanitari è richiesto di segnalare qualsiasi reazione avversa sospetta tramite il sistema nazionale di segnalazione riportato nell’allegato” induce ad osservare che, ormai, è vietato attribuire ad un vaccino qualunque incidente, in baffo alla Legge sul Risarcimento danni da vaccino (pensate che facebook “boccia” la parola Covid, in accordo con le Istituzioni!
  • Riferirsi all’eventualità di “Sovradosaggio” fa “sorridere”, in quanto, se un vaccino va in circolo, all’insaputa dell’operatore, la sua azione è completamente diversa che se viene deposto in un sito e presentato lentamente all’organismo, come dovrebbe, ma di ciò non si fa alcuna menzione
  • Quando, a proposito del meccanismo d’azione, ci si riferisce a “mutazioni, inserimento, materiale genetico”, mi viene in mente l’Apprendista Mago di Walt – Disney, in quanto ritengo abominevole, a conferma delle incertezze citate dalla stessa Ditta, osare di mettere mano a meccanismi così delicati, senza prove certe, senza tempi idonei, ma, in ogni caso, mi sembra, per esporre ogni singola persona ad una roulette russa, che, da Immunologo, NON POSSO APPROVARE, e non parlo solo degli effetti immediati, ma specialmente di quelli futuri
  • Non si capisce quale approvazione sarebbe possibile da parte degli utilizzatori, a fronte della complessità tale di certe spiegazioni, per comprendere le quali, occorre, già fra i Medici, un iter formativo specialistico particolare
  • L’espressione: ” le analisi per sottogruppi dell’endpoint primario di efficacia hanno dimostrato stime puntuali di efficacia paragonabili fra sessi, gruppi razziali ed etnie, e fra partecipanti con comorbilità associate a un rischio elevato di COVID-19 severa” è un falso scientifico, in quanto è stato dimostrato che il destino metabolico e biochimico di  qualunque vaccino e farmaco è legato a fattori costituzionali, che vengono invece completamente tralasciati. Altrimenti, perché, nei fatti conclamati, alcune persone vaccinate hanno solo patìto danni?
  • Il riferimento citato in relazione a “ulteriori aggiornamenti sul vaccino” non esprime alcuna sicurezza ed è contrario al principio di massima sicurezza, che impone di non somministrare nulla che non sia così vagliato da non poter generare danni
  • Le espressioni relative a “Tossicità, Genotossicità, potenziale cancerogeno e tossicità per la riproduzione” sono false, azzardate, pericolose, e poi, quando scrivono “Si ritiene che sia così” raggiungono il massimo della antiscientificità, in quanto non è così, ma “loro” si ritengono autorizzati ad esprimersi così superficialmente
  • Quando si fa riferimento alla “conservazione”, è talmente delicata la procedura, causa le temperature bassissime da osservare, tanto da capire, implicitamente, che la farraginosità e la aleatorietà, anche in tal senso, sfiora la prestidigitazione. Voglio vedere chi è l’operatore che rifiuta di somministrare il Prodotto, perché ha la sensazione che qualcosa non abbia funzionato nella catena di conservazione! Siamo realisti.
  • Quanto alla cautela di “non esporre le fiale alla luce ultravioletta”, è davvero demenziale, in quanto la maggior parte delle comuni fonti luminose, emette ultravioletti, anche in parte, che, notoriamente, in pochi secondi possono catalizzare, casualemente, trasformazioni velocissime, come fà il Dentista quando illumina l’otturazione dentaria, che si consolida in pochi attimi, come avviene anche una per una vasta serie immane di altri processi, per collanti, amalgami, alimenti e via di seguito
  • Si afferma: ” è necessario più tempo per ottenere dati significativi per dimostrare se i vaccinati si possono infettare in modo asintomatico e contagiare altre persone. Sebbene sia plausibile che la vaccinazione protegga dall’infezione, i vaccinati e le persone che sono in contatto con loro devono continuare ad adottare le misure di protezione anti COVID-19”. Questa espressione è la prova inconfutabile che:

 

  • I vaccinati possono contagiare
  • Che i non vaccinati possono essere contagiati
  • Che il vaccino non è la misura utile a risolvere la situazione tragicomica, antiscientifica, e psichiatrizzante, del mascherino, della distanza di sicurezza, del tampone etc.

 

  • A proposito di tamponi, come si farà a sapere quante nuove positività si creeranno per le vaccinazioni introdotte, sia nei vaccinati che non, i quali, ragionamento scientifico alla mano, non si capisce perché non dovrebbero procurare l’emissione dal corpo del così detto modello neovirale?
  • I riferimenti alle reazioni avverse sono completamente amputati dei dati osservazionali nei tempi successivi, il che è assurdo, antiscientifico, pericolosissimo, ma si risolverebbe, semplicemente, lasciando parlare gli Specialisti Immunologi, senza lo spauracchio di interventi ordinistici
  • Come anche banale, riduttivo, direi da Infermiere, senza offesa, ritengo la valutazione delle situazioni di “controindicazione”, che è un Atto Medico, cioè non può essere deciso se non da Medici
  • Le situazioni di iperimmunità, allergia in genere, immunodeficienza sono di per sé un problema, ai fini della previsione degli effetti ultimi sui soggetti sottoposti – lo dico da IMMUNOLOGO
  • Quando si dà precedenza alla vaccinazione sui possibili rischi in pazienti con patologie preesistenti, si commette un altro “triplo salto all’indietro”, poiché il rischio di evenienze stile Covid sarebbe frutto di un atto medico, secondo Giurisprudenza, evitabile e fuori della storia naturale del paziente, quindi un vero “temporale improvviso” nell’equilibrio del paziente al momento della somministrazione: questo è un fatto penale gravissimo
  • Se “non si hanno ancora dati certi sull’evoluzione del vaccino Covid”, come si fa a dire che “è improbabile l’interferenza con altre vaccinazioni”? Che cosa è, un terno al Lotto? Si nota sempre la stessa cosa: UNA ENORME SUPERFICIALITA’, QUANDO L’ARGOMENTO DIVENTA PICCANTE!
  • Un’altra affermazione davvero illogica e, quindi, pericolosissima:” Il vaccino protegge solo la persona vaccinata o anche i suoi familiari? Il vaccino protegge la singola persona, ma se siamo in tanti a vaccinarci, potremmo ridurre in parte la circolazione del virus e quindi proteggere anche tutte le persone che non si possono vaccinare: la vaccinazione si fa per proteggere sè stessi, ma anche la comunità in cui viviamo.

Questa affermazione non è in linea con dati scientifici contrari a questa illazione antiscientifica, già smascherata, è in conflitto con le altre affermazioni sopra rilasciate dalla Ditta, non è legale da inserire all’interno della Scheda del Prodotto, in quanto entra in conflitto di interesse, utilizzando argomenti opinabili, per sostenere la vendita stessa, quindi irregolare, quanto a protezione dei diritti del consumatore, e, ovviamente, perseguibile penalmente. Dovrebbero finirla!

  • Altra affermazione bizzarra e tragicamente comica:” Anche se l’efficacia del vaccino COVID-19 mRNA BNT162b2 è molto alta (oltre il 90%) vi sarà sempre una porzione di vaccinati che non svilupperà la difesa immunitaria, inoltre, ancora non sappiamo in maniera definitiva se la vaccinazione impedisce solo la manifestazione della malattia o anche il trasmettersi dell’infezione. Ecco perché essere vaccinati non conferisce un “certificato di libertà” ma occorre continuare ad adottare comportamenti corretti e misure di contenimento del rischio di infezione”.

E qui, “si danno proprio la zappa sui piedi”

Una qualunque persona, con un minimo di intelligenza, si chiede:

“DI CHE COSA STIAMO PARLANDO?”

Conclusioni

Esaminati tutti i singoli argomenti esposti, in risposta alla Scheda tecnica vaccino covid 19, si evince che la pratica vaccinale compulsa, compulsivante, e mendace, già, come visto, nelle sue più intime premesse di informazione sul Prodotto, sullo sfondo della grottesca e imperdonabile confusione indotta, da tutto tranne cha da un sereno approccio scientifico ed etico, si presenta come ennesimo atto perseguibile e da interrompere immediatamente, per non incorrere nel prosieguo e nel consolidamento dei più gravi danni indotti al Genere Umano, non per sane motivazioni, ma, al contrario, per una dinamica paradossalmente basata sull’opposto dell’Aforisma più importante della Missione Medica:

PRIMUM NON NOCERE

 

 

 

Nobil  Homo  

Dr. Salvatore Rainò

Ufficiale Medico Dirigente di Servizio Sanitario in congedo – 

13° Battaglione Logistico di Manovra 

(Encomio Solenne, per il senso di altruismo e il cosciente sprezzo del pericolo)

Medico Chirurgo

Specialista in Allergologia ed Immunologia Clinica

Specialista in Medicina Interna

Omeopata Unicista Hahnemanniano LUIMO

Ricercatore bioenergetico

Website   salvatoreraino.com

 

7 COMMENTI

  1. Non posso che essere d’accordo con il dr. Rainò!!!
    Dopo aver letto la relazione del dr. Rainò, non solo mi sorge la domanda che indica lui stesso, ma anche: Se non si è certi della protezione vaccinale tant’è che bisogna continuare con le stesse insulse misure, a cosa serve vaccinarsi, se non a far arricchire la casa farmaceutica che ha prodotto il veleno?
    Eh…. no, non accetto che la casa farmaceutica si arricchisca a scapito della mia salute!!!
    Non gioco certamente alla roulette russa con la mia vita!

  2. I chiarimenti su esposti dovrebbero essere recapitati in tutte le ASL e strutture Ospedaliere e produrre un Documento tipo Vademecum esplicativo di questo Maledetto Vaccino…. Complimenti al nostro grande Salvatore Totò Raino’ CHF ricordiamo e’ stato il primo a dire la verità sulla cause dei decessi a Bergamo d dintorni!??

  3. Grazie Dottore per questa puntuale relazione. Tuttavia mi sfugge un aspetto, poiché ormai vi sono vaccini anticovid autorizzati al commercio di diverse marche, queste osservazioni si riferiscono alla scheda tecnica di un vaccino in particolare o è un discorso applicabile a tutti vaccini anticovid
    Grazie

  4. Grazie dottore, Lei è un Medico con una preparazione e un acume semplicemente poderosi che, abbinati alla Sua Etica e alla Sua mumanità di pari dimensioni, fanno di Lei un Uomo eccezionale.
    Questo post è, oltre a un documento inoppugnabile, anche un “j’accuse” di tale portata e importanza che ignorarlo sarebbe semplicemente inammissibile.

  5. …cittadini, la cosa che fa rabbrividire non è solo che continuate a credere a questi bambocci “televisivi” .. e che oramai date per scontato, che le limitazioni che vi/ci hanno imposto sono NORMALI; sveglia !

  6. Validissime argomentazioni da opporre a chi cerca di costringere alla vaccinazione coercitivamente. Grande fott. RAINO’ GRAZIE DI ESISTERE .

LASCIA UN COMMENTO

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.