T A L E N T O

0
905

Talento

 

   Quando scrivo, l’aspetto più importante che ne determina la riuscita è il ritmo che vi è sotteso…spesso ispirato dall’ascolto simultaneo di una melodia.

Oggi propongo un esperimento: provate a leggere questo testo mentre ascoltate su You Tube “Galliano and Marsalis – La Vie En Rose”. Leggete il testo a voce alta, mentre ascoltate la musica ad un certo volume, in modo da dover utilizzare anche voi una voce ben impostata. Cercate di avere la postura più idonea, il tono della voce azzeccato, i movimenti del corpo, le pause, il ritmo …tutto in accordo a ciò che la musica vi ispira. Guardate che divertimento!!!

Provate ripetutamente finchè non siete davvero soddisfatti di Voi stessi.

 

Talento

   Dal greco: [tàlanton], che significava piatto della bilancia, peso, somma di denaro.

Il talento è dote, inclinazione. Il talento era unità di peso e somma di denaro poiché la moneta stessa era metallo prezioso pesato: un talento, ad Atene, corrispondeva a più di venti chili d’argento.

 

   La Parabola dei talenti: un racconto allegorico narrato nel Vangelo di San Matteo: un uomo parte per un viaggio e affida ai suoi tre servi parte delle sue ricchezze. A uno dà cinque talenti, a uno tre, all’ultimo uno. I primi due, durante l’assenza dell’uomo, si danno da fare per far fruttare quanto ricevuto, l’ultimo invece lo va a nascondere. Al ritorno del padrone i primi due gli restituiscono la somma raddoppiata, ricevendo grandi lodi. Il terzo servo presenta il talento che aveva tenuto nascosto, ricevendo una severa censura. La morale che vuole promuovere questo bel racconto è evidentemente che va fatto fruttare ciò che ci viene dato.

   L’espressione dell’anima si chiama talento. Il talento è il coraggio di riconoscere il proprio valore. Quanto coraggio ci vuole ad avere talento?

   L’uomo si riconosce soltanto quando ha il coraggio di spendersi, come se investisse tutte le sue ricchezze più importanti in ciò in cui crede di più, senza paura di perdere tutto….per il solo fatto che senza tale investimento, non è perseguibile l’anelito, il sogno, la realtà che ancora non si è, ma si vorrebbe e si potrebbe essere.  E’ un gioco di prestigio in cui l’oggetto prezioso sparisce e ricompare nel cilindro del mago trasformato, moltiplicato reso nella sua veste più magica ed irreale eppure tangibile e visibile agli occhi di tutti.

   Una scommessa, non di quelle fatte in bugigattoli mangiasoldi, ma un cimento al cospetto della propria paura, quella di non essere all’altezza di essere ciò che si vuole veramente essere. “Essere o non essere, morire, dormire, questo è il problema”…il problema dei problemi , quello che non possiamo risolvere con la solita calma e riflessione che si usa per i problemi…si tratta di uno slancio, un tuffo dal trampolino, un punto di non ritorno oltre il quale sei costretto a volare.

   Persino la sicurezza e la stabilità nascono spesso da momenti in cui ci si è dati al contrario di essi: della serie…”Non si arriva mai tanto lontano come quando non si sa più dove si vada” (Goethe).

   Le colonne d’Ercole sono superabili in una specie di incoscienza programmata nella parte di noi che ancora non può vivere respirando l’aria che si è sempre respirata. Il cambiamento è il frutto del coraggio elevato all’ennesima potenza,  radice quadrata della fantasia, fratto il passato! Quanto tempo ci vuole per costruire una cosa grandissima? Ci vuole un attimo per decidere di farlo e poi una vita per tentare di farlo!

   Sorrido quando sento che qualcuno è perplesso sui miracoli, ma penso che i miracoli siano talmente accanto a noi e dentro di noi che nemmeno siamo più in grado di accorgercene. Continuamente la vita ci trasforma e noi siamo in grado di rimanere vivi e soprattutto  di trasformare la vita stessa che voleva trasformarci. E’ come danzare con un partner immaginario che entra ed esce dal nostro corpo mentre anch’esso si trasforma e si nutre dei continui cambiamenti che consentono la vita. E’ un avvilupparsi in un girare continuo di movimenti e ritmi che non hanno mai una stabilità ma inseguono continuamente un nuovo baricentro… e ciò all’infinito: la danza dell’anima con la propria trascendenza e la ricerca della perfezione attraverso lo svolgimento dei propri limiti.

   Non occorre fare delle cose, ma soltanto lasciarsi andare al coraggio di farle, per non perderne l’occasione, per non lasciare intentata la possibilità di capire che davvero potevamo farlo. Esiste una trasparenza, come una lastra di cristallo limpidissimo che ci impedisce di passare “dall’altra parte”, finché non sentiamo che possiamo tendere la mano ed avere il coraggio di credere che essa attraverserà la lastra. Il “passaggio” è talmente estemporaneo che non riusciamo a vederlo,  a definirlo, è frutto solo di un atto di profonda ed inesorabile irresponsabilità in cui non sappiamo più chi siamo e possiamo davvero diventare chi sa che cosa e chi sa chi!

   Ed eccoci trasformati in uomini di valore, personaggi del mondo dello spettacolo, musicisti di talento, ballerini, attori, poeti, scrittori, filosofi, artigiani famosi, artisti, inventori, professionisti di gran pregio, individui di elevata statura, segni, archetipi, simboli, perché no, geni,…l’impossibile che attrae e fa sognare e crea il successo e la notorietà e pone le premesse perché l’incantesimo si moltiplichi nel genere umano per creare una specie di talento che lasci il segno e prosegua attraverso l’evoluzione della capacità di riconoscersi dell’uomo nel suo divenire verso la luce della bellezza, dell’armonia e dell’amore.   

   La vita è quanto di più imprevedibile, non solo nella sorpresa del dolore, ma soprattutto più facilmente nel miracolo della bellezza.

   Alla fine di questo testo, posso svelarvi la verità: oggi non sono lucido ed ho commesso già tanti errori in pochi quarti d’ora, ma, se così non fosse stato, Voi non avreste mai avuto questo capolavoro (forse)! Comunque fate VOI!

   Sbagliare non è frutto soltanto di errore, ma talvolta è uno dei più preziosi doni che la nostra libertà di vivere e di viverci può concedere.

Dimenticavo: questa è una terapia speciale!!!!

 

LASCIA UN COMMENTO

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.