La civiltà degli eccessi: quali controlli?

0
1151

LETTERA INVIATA A TEMPOREALE ANSA IN RELAZIONE ALL’INDIANO BRUCIATO A ROMA NELLA NOTTE FRA 1 E 2 FEBBRAIO 2009

 

Egregi Sig.ri,

vorrei esprimere alcune considerazioni sull’orribile gesto a danno dell’indiano cui tre giovani hanno addirittura dato fuoco!

Con più precisione vorrei portare l’attenzione sul continuo riferimento, per comportamenti strani del genere, a droghe ed alcool. Trattasi infatti di sostanze in grado di alterare la coscienza dell’individuo, ben note e quindi perseguite.

Secondo il mio parere (sono un medico), sarebbe davvero il caso di interrogarsi sull’eventualità che esista qualche altra causa, non perseguita, concessa, venduta con disinvoltura, ormai abituale, in pratica come invisibile formalmente ma diabolica nel suo reale impatto sociale quotidiano.

Personalmente penso che anche l’incremento esponenziale delle lapidi ai cigli  delle nostre strade, ormai veri e propri cimiteri virtuali, sia strettamente legato alla stessa causa.

Gli incidenti drammatici non diminuiscono. Eppure i controlli per la velocità su strada sono diventati addirittura improponibili. Si continua a puntare il dito contro alcool, droghe, si parla di eccesso di velocità.

Non si parla per niente, ed è davvero strano, dell’unico eccesso da perseguire,  LA CULTURA DELL’ECCESSO, proposta, alimentata da un sistema sociale ormai impostato su dinamiche francamente deliranti…un sistema sociale che si nutre di mille meccanismi che a loro volta si autoalimentano senza tregua.

Vi propongo un indovinello:

sapete che cosa è al centro di uno dei commerci più fiorenti ormai nel mondo

-che propone come valori l’iperefficienza ad ogni costo

-che invita a non considerare i propri limiti e a forzarli come se ciò fosse un valore

-che incita a vivere così dette “emozioni smisurate”

-che spinge a violare le più sacre leggi del riposo per recuperare le proprie forze

-che spinge a fare tanti lavori, opportunamente sostenuti dall’uso di “qualcosa”

-che giustifica la ripresa della guida di un veicolo, anche se stanchissimi

-che educa a fraintendere l’intensità della vita per una distorta percezione dei propri fisiologici ritmi sonno-veglia

-che pretende di insegnare a volare alto a persone che se davvero fossero lucide non adirebbero mai  certi consumi

-che viene impunemente venduto e consumato come se fosse più che innocente e giustificato

-che in realtà procura una prima risposta, diciamo piacevole, seguita dal crollo repentino ed incontrollabile di ogni sistema di controllo e di inibizione, nonché dalla perdita della capacità di valutazione obiettiva delle situazioni

-che, come se non bastasse la sua “stupidità” d’azione sui sistemi biologici, sta finendo per “mutare” il pianeta in una razza priva di consapevolezza e di responsabilità????????

Secondo il mio modesto parere, non si possono cambiare le cose e migliorarle finché non si perseguono le reali cause che determinano le disfunzioni.

GRAZIE

Vorrei sapere che cosa ne pensate. L’indovinello è posto comunque a tutti coloro che vogliono rispondere, specie alle Forze dell’Ordine.

*****

2009-02-02 08:55

NETTUNO: INDIANO BRUCIATO, FERMATI 3 GIOVANI ITALIANI

di Pasquale Faiella

ROMA – Una notte da sballo. Una delle tante passate da un locale all’altro, a bere fino ad ubriacarsi. Ma l’alcol spesso non basta piu’: ed ecco che la pasticca colorata, l’ecstasy, o la cocaina allungano il ”viaggio” e aiutano a spostare il limite, fino a osare di piu’. I carabinieri non volevano credere alla confessione dei tre ragazzi ”di buona famiglia”, di Nettuno, uno di 16 anni, che la scorsa notte in questa localita’ del litorale romano, hanno prima picchiato e poi cosparso di benzina un immigrato indiano di 35 anni riducendolo in fin di vita. Ma prima, come ennesimo sfregio, il branco ha ”dipinto” di grigio il volto e il collo dell’immigrato.

”Cercavamo un barbone a cui fare uno scherzo, uno che dorme in strada, non per forza un romeno, un ragazzo di colore, solo uno a cui dare una lezione. Volevamo fare un gesto eclatante, provare una forte emozione per finire la serata”. Queste le parole agghiaccianti pronunciate dal piu’ piccolo dei tre, il minorenne interrogato nella caserma dei carabinieri di Nettuno che e’ crollato e ha confessato.

I militari sono arrivati in poche ore ad individuare il terzetto: gli altri due fermati – a tutti e’ stato contestato il tentato omicidio aggravato – hanno 28 e 19 anni. Il rogo umano e’ divampato quasi all’alba su una panchina di marmo della stazione ferroviaria di Nettuno: Sinhg Navte, 35 anni – senza documenti e di probabile etnia sikh – dormiva li’ ormai da molte notti. Aveva perso il lavoro e non aveva piu’ i soldi per pagarsi un tetto.

Secondo gli elementi raccolti dai carabinieri i tre avevano trascorso una notte ”brava” tra alcol e droga al termine della quale hanno voluto fare, hanno detto durante l’interrogatorio, un gesto ”eclatante per provare una forte emozione”.

Il ragazzo minorenne ed i suoi amici di 19 e 28 anni, incensurati, e con famiglie di lavoratori alle spalle, tornando a casa la scorsa notte sono passati davanti alla stazione di Nettuno. Qui, secondo la ricostruzione dei carabinieri, hanno insultato e aggredito il senzatetto che dormiva nell’atrio. Poi si sono allontanati.

Sembrava finita li’ ed invece, mentre erano al distributore a fare il pieno all’auto, hanno avuto l’idea di fare ”uno scherzo al barbone”, cosi’ come loro stessi hanno detto agli investigatori. Tornati nella stazione hanno dato fuoco all’immigrato e non riuscendo piu’ a spegnere le fiamme sono scappati.

Sulle prime gli investigatori avevano ipotizzato un’azione xenofoba, di matrice razzista che sembrerebbe essere pero’ venuta meno meno. Sarebbe stata, semplicemente, un’azione da ”teste vuote”.

Secondo quanto osservato dal generale Vittorio Tomasone, comandante provinciale dei carabinieri di Roma, ”quanto avvenuto non sembra avere uno sfondo razziale, ma con una conseguenza ancor piu’ agghiacciante, visto che secondo quanto accertato i tre volevano chiudere la notte, dopo uno sballo di alcol e droga, con un gesto fortemente eclatante”.

Secondo il generale Tomasone ”non capire lo sfondo dietro questo atroce episodio sarebbe come non vedere cio’ che succede attorno ai nostri giovani. L’uso smodato di droghe ed alcol a cui si sottopongono condiziona il loro comportamento”. Il cittadino indiano, intanto, e’ stato ricoverato all’ospedale S. Eugenio di Roma. Le sue condizioni, in serata, sono migliorate: la prognosi resta riservata, ma non e’ piu’ in pericolo di vita.

LASCIA UN COMMENTO

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.