A proposito di “Acqua informatizzata per il grano” (una testimonianza)

0
255

salve dottor Rainò,

sono N…C…,  agronomo, insegnante di scienze, figlio

e nipote di agricoltori, padre di un bimbo di due anni (al cui futuro

penso spesso in termini di qualità della vita), “omeoscettico” finchè

non ho visto, per un intero ciclo biologico, mezzo ettaro del suo grano

omeopatico seminato da mio padre unicamente per fare un favore a un

amico sementiero: il risultato, assolutamente  inaspettato,

l’ho trovato semplicemente rivoluzionario, ma mi

piacerebbe sapere da lei che cosa  è successo nel suolo e nelle piante,

perché non so proprio spiegarlo con  le mie conoscenze.

Capire il successo di quest’anno sarebbe importante per potere

prevedere un eventuale successo su larga scala nei prossimi anni,

in  condizioni climatiche e agronomiche diverse (cioè con diverso

avvicendamento colturale e soprattutto su suoli di diversa natura).

Comunque sia spero di convincere mio padre a seminare per il prossimo

anno solo grano omeopatico, anche perché da sempre la mia famiglia è

un esempio per tanti agricoltori.

Ringraziandola anticipatamente per la sua eventuale risposta, e

sperando di trovare presto una sua pubblicazione scientifica

sull’argomento, Le porgo   distinti saluti.

N….C….

LASCIA UN COMMENTO